social



http://peccati-di-penna.blogspot.it/    http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html          http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour           http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

Clicca sul banner per andare ai GIVEAWAY dell'anniversario!
https://i.pinimg.com/originals/24/30/32/243032bb044d61a2bd5f0c9614bf779f.jpg

19 maggio 2017

PAGINA69 #96 - L'angelo nero di Eddy Morello | Self

 
Secondo Marshall Mc Luhan per decidere se comprare un libro bisogna affidarsi alla pagina 69. Se quella pagina ci catturerà, allora, molto probabilmente ci piacerà il libro.
Pagina 69 da L'angelo nero di Eddy Morello, un romanzo fantasy.

al lato sinistro del petto, da un ciuffo bianco che fungeva da cimiero dell'elmo, e da un mantello bianco.
Hai giusto un paio d'alette bianche del cazzo, e ti credi chissà chi. Almeno io le ho nere.
Non riuscì a trattenere un sorrisetto.
«Che hai da ridere?»
Scosse la testa. «Niente, signore. Pensavo al cinghiale»
Erano tutti fermi nella posizione di riposo, con le braccia dietro la schiena, il polso destro nella mano sinistra. Attendevano l'arrivo di Gavriel.
Caliel si guardò attorno. C'erano almeno un centinaio di persone ad assistere alla cerimonia. Nonostante questo, la piazza d'armi era silenziosa. Neppure un brusio si levava dai gruppetti di spettatori.
Quel giorno, cinquanta nuovi soldati sarebbero stati ammessi tra gli effettivi dell'esercito, assegnati ognuno al proprio reparto e alla propria squadra.
Erano serviti sette anni di addestramento per poter completare tutti i corsi dell'accademia militare. I legionari che uscivano da lì dovevano essere in grado di utilizzare qualsiasi arma con entrambe le mani, oltre a dover conoscere e saper utilizzare le Magie Elementari.
L'impiego della magia non piaceva a Caliel, ma lo accettava come parte di ciò che aveva deciso di divenire. Lo trovava un imbroglio nei confronti dell'avversario, ma ne comprendeva la necessità. Sapeva che gli avversari non si sarebbero fatti scrupoli a usarla contro di lui.
Sapeva anche che Binael non era della sua stessa opinione. I suoi incantesimi erano più rapidi, più precisi e più potenti. E non lo lasciavano sfinito, come invece accadeva a lui.
Si riscosse dai suoi pensieri, rendendosi conto che Ga-

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ