social


http://peccati-di-penna.blogspot.it/      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/le-recensioni-di-peccati-di-penna.html      http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Segnalazioni       http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/elenco-interviste.html      http://peccati-di-penna.blogspot.it/search/label/Blog%20Tour      http://peccati-di-penna.blogspot.it/p/info.html

Post recenti

28 aprile 2018

SEGNALAZIONE + INTERVISTA - Daren Reed e le anime antiche di Robert Rinaldin | Self-publishing

Buon week-end peccatori, oggi spazio a un autore fantasy: Robert Rinaldin.

TITOLO: Daren Reed e le anime antiche
AUTORE: Robert Rinaldin
EDITORE: Self-publishing
GENERE: Fantasy
PREZZO: ebook 4,50 € | cart. 12,38 €
PAGINE: 292

TRAMA
Dopo alcune strane esperienze con un falco, Daren viene rapito e si ritrova catapultato in un nuovo mondo, in una nuova vita. Lascia alle spalle il suo lavoro e i suoi vecchi amici per poi entrare in una scuola per anime antiche, dove scopre di avere una seconda anima all'interno del suo corpo. Questo raro legame gli consentirà di imparare a controllare gli elementi (fuoco, acqua, terra, vento e tuono) e richiamare un'arma divina.
Nel frattempo Daren stringe amicizia con alcune le persone che lo aiuteranno a superare i momenti più difficili. La scuola assegna missioni per combattere i ribelli e queste lo metteranno in contatto con il mondo esterno, ma anche con il suo mondo interno e le anime antiche, e scoprirà cosa sta succedendo veramente all'interno della scuola.

INTERVISTA

Benvenuto Robert! Quando hai scoperto la passione per la scrittura?
Vi ringrazio per avermi dato questo spazio e per il lavoro che svolgete. Ho scoperto la passione per la scrittura a 19 anni, quando annotavo i miei pensieri e i miei sogni in un quadernetto e poi li rileggevo per scoprire nel tempo come maturavano i miei punti di vista e con grande gioia ho scoperto che la scrittura è un potente mezzo per poter comunicare le proprie emozioni e i propri pensieri.

Qual è stato il tuo primo testo?
Devo dire che il primo testo a cui ho lavorato era proprio quello di Daren Reed, ma per un periodo di circa 8 anni è rimasto nel cassetto. Successivamente ho migliorato le mie abilità di scrittura anche attraverso il mio percorso universitario, ho sviluppato le mie doti creative artistiche attraverso la scrittura di brani musicali e continuato a scrivere i miei pensieri e sogni nei diari che tengo tuttora. Successivamente ho ripreso in mano il progetto di Daren Reed, l'ho migliorato e revisionato con un'ottica più matura e critica per poi renderlo concreto.

Quale genere letterario ti è più affine? Quale invece non riesci a leggere e/o a scrivere?
Il genere che mi è più affine è il fantasy perché mi permette di viaggiare in mondi impossibili dove tutto è possibile e ogni fantasia si realizza. In questi mondi si può dare libero sfogo alle proprie emozioni e possono anche abbattere le leggi della fisica in modo naturale senza cadere per forza nel banale.
Devo invece dire che il genere che preferisco meno è il giallo, nonostante possa portare a interessanti intrecci e storie imprevedibili, personalmente non risveglia in me lo stesso entusiasmo di altri generi.

Come è stato il tuo percorso verso la pubblicazione?
Devo dire che il mio percorso non è stato difficile, ma nemmeno facile. Il lato più complesso è entrare nel mondo dell'editoria cercando di comprenderne i meccanismi di funzionamento e decidere di mettersi a confronto con i giganti della scrittura. D'altro canto, sono abituato ad affrontare problemi nuovi con impegno e dedizione, quindi con il tempo sono riuscito ad entrare in questo mondo pubblicando il primo libro in tempi ragionevoli.

Come è nata l’idea di Daren Reed? Cosa ti ha ispirato?
L'idea di Daren Reed è nata un po' per caso mentre pensavo a come mi piacerebbe un mondo fantastico, ho pensato a come potesse funzionare la teoria che ho costruito che sta alla base del progetto e quali punti di forza e debolezza potessero dare valore o creare problemi sia nella storia che nella parte puramente teorica ideativa. Da lì, l'idea di avere due anime dentro di noi ha preso forma e si è ben adattata sia con il controllo degli elementi, che con la storia delle armi divine che possono essere richiamate dai personaggi della storia.
Dire cosa mi abbia ispirato è difficile, ma penso che tutte le storie fantasy con le quali sono entrato in contatto, mi abbiano lasciato qualcosa a cui potermi ispirare. Dalla magia, ai combattimenti epici, ai personaggi leggendari credo che mi abbiano portato a realizzare la mia storia.

Quanto c’è di te in questo testo?
Di me in questo libro c'è molto, anzi moltissimo. Ho provato a pensare costantemente cosa avrei fatto io nei panni dei miei personaggi, tenendo in considerazione la loro storia passata, le loro esperienze e le loro emozioni. Cercando di vedere il mondo attraverso gli occhi dei personaggi descritti e non solo attraverso i miei, ho gestito le relazioni che si sono create e le decisioni prese portando avanti la storia fino alla sua conclusione.

Hai mai affrontato il “blocco dello scrittore”? Come lo hai superato?
L'unico ostacolo che ho avuto è stato il tempo, che solitamente è nemico dei progetti ai quali dedichiamo una parte della nostra anima. La storia l'avevo in mente da molto e solo quando ho deciso di scrivere e portare a termine la storia, il progetto si è realizzato come un'onda che si infrange sugli scogli. Mi sono dato delle tempistiche, ho organizzato il lavoro e ho dedicato tutto me stesso per finire tutto nei tempi previsti.

Cosa vuoi comunicare con il tuo Daren Reed?
Con Daren Reed voglio dare la possibilità ai lettori di entrare in contatto con questo nuovo mondo energetico, ma anche mostrare come alcuni avvenimenti e informazioni inaspettate possano modificare il proprio percorso di vita portandoci a percorrere sentieri inimmaginabili. Inoltre, la storia evidenzia anche che con impegno e dedizione si possono raggiungere risultati importanti e significativi, com'è stato per i personaggi.

Cosa pensi del Self-Publishing?
Penso che con il progresso tecnologico e le possibilità informatiche presenti in questa nostra era tecnologica riducono le barriere che prima esistevano tra chi pensava di voler scrivere un libro e tra chi lo pubblicava realmente. Oggi possiamo scrivere al computer con programmi sempre più precisi, possiamo metterci in contatto con persone distanti da noi senza problemi e possiamo imparare molte cose attraverso un buon uso delle informazioni a disposizioni.

Quali sono i tuoi progetti futuri?
I miei progetti futuri riguardano la continuazione della storia di Daren Reed, di cui c'è una anteprima nell'ultima pagina del libro, la creazione di libri a supporto della storia per poter dare la possibilità ai lettori di comprendere meglio il mondo di Daren Reed, ma non solo! Nel sito e nei canali social verranno organizzati eventi per dare la possibilità ai lettori di aggiudicarsi contenuti extra e in un futuro non molto lontano spero di poter essere presente in qualche evento a tema (oltre che ad eventi in cui presenterò il libro) per potermi confrontare con i lettori e gli scrittori.

Grazie a Robert Rinaldin per averci dedicato il suo tempo. In bocca al lupo e buona scrittura!

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti sono la linfa vitale del blog, lasciate un segno ツ